New Tectonics: The Earth and The Moon – (Nueva Tectónica: La Tierra y La Luna)

New Tectonics: The Earth and The Moon – (Nueva Tectónica: La Tierra y La Luna)

In these images you will see a scheme of the ideas I will explain in forthcoming posts, and the first one, whose text I put into a dark red frame in Spanish. I’ll translate it later on to English and Italian by updating this post.

En estas imágenes veréis un esquema de las ideas que explicaré en siguientes posts, y la primera, cuyo texto puse dentro de un recuadro en rojo oscuro en español. Lo traduciré al inglés y al italiano actualizando este post.

In queste imagini vedrete un disegno dell’idee che spiegherò in eseguenti post, e la prima di loro, cui testo posi in una cornice in rosso oscuro in spagnolo. Tradurrò dopo allo spagnolo ed allo italiano attualizando questo post.

General sketch on structure of forthcoming posts.

Dibujo general de la estructura de los siguientes posts.

Disegno generale della struttura dei seguenti post.

(Se non siete italiani e vi domandate perché ‘post’ è lo stesso al singolare che al plurale, questo è perché è il regolare colle parole straniere: post, bar, film, e qualche altre. E c’è anche una regola per tutte le parole italiane che terminano accentate nell’ultima silaba: singolare e plurale è lo stesso, dunque ci abbiamo: ‘la verità’ singolare, e ‘le verità’ plurale, il sostantivo non cambia, si capisce dell’articolo e del contesto).

estructura

estructura

Next is for the top left corner of previous image.

La siguiente es para la esquina superior izquierda de la imagen anterior.

La prossima è per l’angolo superiore sinistro dell’imagine anteriore.

Eyección de la Luna

Eyección de la Luna

Translation for frames in the image above:

Earth’s nucleus ratio: 28/14  R moon.

This rectangle has a length (in the blue stripe) equivalent to two times the Moon’s total radius, and it is also the value for the current planet Earth’s nucleus, that great despicable mass in the universe…

(Next frame in blue).

The long side of this rectangle is equivalent to 1750 kilometers. The Moon’s radius is 1740 km, but I’ll adjust it afterwards, don’t worry about that.

(Next frame in dark red).

That dark red square of variable thickness (90 to 5 km) is the crust.

(Next rectangle in various colors).

NUCLEUS                                                  MANTLE                                   GASES Inner (solid)      Outer (molten)          Inner (semi-rigid)   Outer(rigid)

The little square in light red is in ratio with the entire mantle (light gray) : outer mantle  (670 to 870 Km) variable in thickness.

(Big dark red frame).

The Moon’s radius ON AVERAGE (the measure is not the same in the poles than in the equator), is considered to be 1738 kilometers long. I’m gonna round calculations to 1750 km, it’s only 12 kilometers longer, simplifies the explanation, and afterwards if you want, you can think of it with more accurate measurements. But bear in mind that proportions comply, and in additon to this, due to the time and type of reactions I’m gonna explain to you, that error margin is more than acceptable, and further more  exact than some explanations alike, such as, the bubbly dopler-nonsense with (almost) no paragon of stablishing the universe’s (so what is it then, is it one or is it many?) age in thirteen thousand five hundred millions of years (I know, that’s thirteen and a half billions in English, but I think the Spanish here is a bit more (non) exact…)… a thing all of we could observe and check… undoubtedly… from its beginning…

(Excuse me, ladies and gentlemen, but one, that’s me, is already more than fed up with so many irrational, non-falsible, non-dimensional, trascendent nonsense…).

Let’s see… Dopler’s effect (it is on this that calculon for the uni[multi]verse’s age relies upon, stablishes, and that is really true, any type of wave ‘shortens’ its lenght while approaching, and ‘lengthens’ it while getting far from us. It sounds very intangible, but it SOUNDS in fact, and it can also be SEEN. This is something that might have happened to all of us. While stopped in the street a motorbike is approaching. The engine sounds the same while getting close than while getting far, but we hear that sound in a different way: more treble when it’s getting close (higher frequency), and more bass when it’s getting far (lower frequency). That’s why I am going to put this beautiful onomatopoiea: cheeeeeeeeeooooooouuuuuuuung ! (Sounds familiar 🙂 ?)

The same happens with light: when a lumous focos is getting close (it shortes we see it more on the violet side than when it is getting far (it lenghtens), deviating in that moment towards red. Visible light for human’s eyes goes from red to violet, being red of long wavelenght and low frequency, and violet of short lrnght and high frequency. Light is a form for electromagnetic waves. It is composed of photons, or what is the same, electrons with an excess of energy that are getting out from the atom of which they belonged.

Most stars in the universe deviate towards red, that is why despite KNOWING there are stars whose light deviates towards violet, the bubbly Dopler-nonsense of which I talked about above has been stablished., and it is saying that universe (this little bubble of despicable mass into which our galaxy is…) was formed thirteenthousand fivehundred million years ago, which in itself, and with what I have just explained you’ll understand perfectly, is not consisten, but that’s the way universe is…

And once this… angular milestone of astrophysic knowledge has been clarified.. let’s do:

The Moon’s radius has about 1750 km, that is exactly a half of what our planet’s nucleus is today: 3500 km. The Moon is believed to be composed of iron, nickel and little traces of another elements varying in proportion, of which most abundant and ferromagnetic are  iron and nickel, in a proportion of 90 Fe/10 Ni, that is to say one part of nickel for nine of iron. It IS KNOWN, and this is known because  rocks samples have been collected from its surface, that most abundant rocks in the Moon’s crust are igneous ones, plagioclases and anorthosites, both being form in tectonic processes here on Earth.

It is also known, the Earth millions of years ago had a composition in its nucleus in that same proportion: 90 Fe/ 10 Ni, although now nucleus has proportions which oscilate between 80-85% Fe / 10-15% Ni and the rest composed of different materials.

So, you see, an atom of Fe-56, the most abundant and stable of its isotopes, has a radius of 126 picometers, don’t worry about unit I already do the comparison, just think about the number, 126. Nickel has 149. So, when an atom of iron transforms itself (naturally because of energy excess) in nickel its radius increasse is 23 units (that’s for lenght = radius).

Now think the following: 125 multiplied by 14 is 1750, that is to say (and I am only to show you this conversion) 125 x 10 ^-12 x 10^3 x 14 x 10^12 gives a result of excatly the Moon’s radius (well… not exactly… it’s only 12 kilometers longer).

In addition to this, Earth’s nucleus radius is twice the entire Moon’s radius: Re=2xRm = 3500 kilometers.

Re+Rm=3Rl=5250 km: three times the Moon’s radius is the sum of the Moon’s radius and the Earth’s nucleus radius. If we add 1250 km it gives 6500 km. The total solid and liquid part of the Earth is 6380 km. Round up to 6500 (it’s only 120 kilometers). 1750 x 7 = 12250, 12250/2 = 6125 (faltan 255 km de nada).

-> The Earth had a total radius the same lenght as today’s nucleus, 3500 km, then in some place near its rotation center an increasse of energy heated it up and made the iron decay (proportion 92%Fe/8%Ni) into nickel. The pass of 92%Fe to 68% Fe made the proportion of nickel increasse to 32%, the total radius augmented one third being this third ejected outside, and that is what the Moon is, which having been ejected quickly kept the proportion between 90% and 100% in iron.

The crust got fragmented, and the nucleus recovered iron, that being at a lower presure and temperature generated the mantel and a big mass of water (while losing energy|overheat).

Traduzione (escusatemi il mio italiano, ci saranno degli errori) delle cornici nella imagine su:

Radio del nucleo della Terra 28/14 R luna.

Questo rectangolo è di un lungo equivalente a due volte il radio della Luna, ed è anche il valore del lungo del nucleo attuale del pianeta Terra, quella grande masa despreciabile al universo…

(Seguente cornice in blu).

Il lado lungo di questo rectangolo equivale a 1750 kilometri. Il radio della Luna è 1740 kilometri, però vi lo agiusterò dopo. Quello quadrato in rosso oscuro di grosore variabile (90 a 5 km) è la crosta

(Il quadrato in rosso chiaro è in relazione con tutto il manto ( grigio chiaro). Manto externo (670 – 870 km) di grosore variabile).

(Cornice grande in rosso oscuro).

Il radio promedio della Luna (non c’è la stessa missura all’equatore di agli poli), viene considerata come 1738 kilometri. Vado a fare dei calcoli rotondi a 1750 km, ci sono soltanto 12 km in più, fa’ la spiegazione più semplice, e dopo se volete, ne pensate con missure più esatte. Però avete in mente che le proporzioni si corrispondeno, e addiritura, perché il tempo e le reazioni che vi vado a spiegare, quello margine di errore è più di accettabile, e molto di più esatto che altre spiegazioni dal genere, come ad essempio, la dopler sciocchezza bollante (quasi) senza paragone di stabilire l’età dil universo (… ma cos’è, è uno oppure sono molti?) in tredicimila quinquecento miglioni di anni… cosa che tutti potemmo oservare e controlare… indubbiamente… dal suo inizio…

(Escusatemi signori… però una, quella è me, è più di stufa di tante sciocchezze irragionabili, non-falsevoli, adimensionali, trascendenti…).

Vediamo… L’efetto Dopler (che è quello nello qualle il calcolo dell’età dell’uni[multi]verso è basato), stabilisce, e questo si che è certo, che qualsiasi tipo di onda quando si avvicina da noi ‘accorcia’ la sua longitude, e quando si alontana da noi ‘estende’. Suona molto intangibile, però in fatto SUONA ed addiritura, SI VEDE. A tutti ci avrà accaduto qualche volta, di stare fermati alla strada mentre una moto si è avvicinando a noi. Il suono del motore è lo stesso quando si avvicina di quello che è quando si alontana, però noi gli udimo in altro modo: più acuti quando si avvicina (magiore frequenza), e più basso quando si alontana (minore frequenza). Ed è per quello che vi vado a porre questa bellissima onomatopea: ciiiiiiiiiaaaaaauuuuuuung! (non mi dire che non vi risuona! 🙂 ).

Lo stesso accade colla luce: quando un fuoco luminoso si avvicina (si accorcia)  lo vediamo più verso il viola di quando si alontana (si alunga), deviandosi in quello momento verso il rosso. La luce visibile per l’occhio umano anda dal rosso verso il viola, essendo il rosso di longitudine di onda lunga e bassa frequenza, ed il viola di onda corta ed alta frequenza. La luce è una forma di onda elettromagnetica. È composta di fotoni, oppure lo stesso, elettroni con ecceso d’energia che si andano del atomo del quale procedono. La maggioranza di stelle nell’universo si deviano verso il rosso, quello è perché , anche se È SAPUTO che ci sono stelle la cua luce  si devia verso il viola, si è stabilito la Dopler sciochezza bollante della quale vi parlavo su, consistente in dire che l’età del universo (questa piccola bolla di masa despreciabile nella quale c’è la nostra galassia…) si fú conformata tredicimila quinquecento miglioni di anni fa, cosa che in se stessa e con questo che vi ho spiegato adesso, capireste perfettamente che non è consistente, però l’universo è cosi… E una volta che questa… petra angolare del ragionamento astrofisico viene stata chiarita… procediamo: Il radio della Luna ha 1750 kilometri approssimatamente. Quello è esattamente la metà del radio attualmente del nucleo del nostro pianeta: 3500km. Si crede che la Luna è composta di ferro, nickel e piccole trace di altri elementi in proporzioni variabili, dei qualli i più abbondanti e ferromagnetichi sono il ferro ed il nickel, in una proporzione di 90 Fe/ 10 Ni, oppure lo stesso, nove parti di ferro per ogni parte di nickel. È SAPUTO, e questo è saputo perché si hanno racolto mostre di rocche nella superficie, che le rocche più abbondanti nella crosta della Luna sono rocche ignee, plagioclase ed anortosite, tutte le due il risultato di processi tettonichi qui nella Terra.

Si sa anche che la Terra migliardi di anni fa aveva una composizione nello nucleo  a la stessa proporzione: 90 Fe/10 Ni, anche se adesso nucleo abbia le proporzione che oscilano fra 80-85% Fe/10-15% Ni ed il resto è composto di materiali diversi.

Così vedreste, un atomo di Fe-56, il più abbondante ed estabile dei sui isotopi, ha un radio di 126 picometri, non vi preocupare per l’unità, io faccio la paragonanza ormai, pensate soltanto nello numero, 126. Nickel ha 149. Dunque, quando un atomo di ferro diventa (in modo naturale perché c’è un’ecceso d’energia) in nickel il suo radio cressce in 23 unità (quello è per lunghezza = radio).

Adesso pensate il seguente: 125 multiplicato per 14 è 1750, oppure ( e vi farò evidente soltanto questo calcolo) 125 x 10^-12 x 10^3 x 14 x 10^12 rende un resultato esatto del radio della Luna (beh… non è esattamente esatto… è soltanto 12 kilometri più lungo).

Adiritura, il nucleo della Terra è il duplo del radio di tutta la Luna: Rt=2xRl = 3500 kilometri.

R(terra) + R(luna) = 3R(luna) = 5250 km: tre volte il radio della Luna è la somma dello radio della Luna ed il nucleo della Terra. Se agiungiamo 1250 km rende 6500 km. Il totale della parte solida e liquida della Terra è 6380 km. Tondo a 6500 (sono soltanto 120 kilometri). 1750 x 7 = 12250, 12250/2 = 6125 ( mancano 255 kilometri).

Re+Rm=3Rl=5250 km: three times the Moon’s radius is the sum of the Moon’s radius and the Earth’s nucleus radius. If we add 1250 km it gives 6500 km. The total solid and liquid part of the Earth is 6380 km. Round up to 6500 (it’s only 120 kilometers). 1750 x 7 = 12250, 12250/2 = 6125 (faltan 255 km de nada).

->La Terra aveva un radio totale uguale a quello del nucleo oggi, 3500 km, quello momento in qualcuna parte circa del suo centro di rotacione un aumento d’energia la riscaldò e fece il ferro cadere (proporzione 92%Fe/8%Ni) diventando nickel. Il paso di 92%Fe a 68% Fe fece la proporzione di nickel aumentare fino a 32%, il radio totale crescè un terzo essendo questo terzo espulsato fuori, ed è quello il che è la Luna, che essendo stata espulsata velocemente restò uguale la proporzione tra 90% e 100% in ferro.

La crosta si fù frammentata, ed il nucleo ricuperò ferro, che essendo a una presione e temperatura menore generò il manto ed una grande massa d’acqua (mentre perdeva energia | sopra-riscaldamento).

Brief for dates.

Resumen para las fechas.

Sommario per le date.

coming through

coming through

Last thing I’ll develop is relating dates for massive extinctions, glaciar and interglaciar ages, and different isotopes full radioactive decay time lapses along with the most abundant mineral deposits on Earth and their geological distributions.

Lo último que desarrollaré será relacionar las fechas de extinciones masivas, etapas glaciares e interglariares, y tiempo completo de decaimiento radiactivo de distintos isótopos junto con los yacimientos minerales más abundantes sobre la Tierra y sus distribuciones geológicas.

L’ultimo che sviluperò sarà relazionare le date delle estinzioni masive, le etape giaciari ed intergiaciari, il tempo completo di decaimento radiattivo dei diferenti isotopi ad anche i depositi minerali più abbondanti nella Terra e loro distribuzioni geologiche.

Acerca de María Cristina Alonso Cuervo

I am a teacher of English who started to write this blog in May 2014. In the column on the right I included some useful links and widgets Italian is another section of my blog which I called 'Cornice Italiana'. There are various tags and categories you can pick from. I also paint, compose, and play music, I always liked science, nature, arts, language... and other subjects which you can come across while reading my posts. Best regards.
Esta entrada fue publicada en Arts, Asturias, Communication and languages, English, Environment, Español, Global issues, Italiano, Language, Local, Paintings, Science, Tectonics y etiquetada , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Guarda el enlace permanente.